GREENTERNET: Etico, Eco, Bio, Sostenibile
   
 
     
 
 
     
     
 

ALIMENTAZIONE

 Facebook            
"Dirty Dozen"
Come evitare i residui dei pesticidi
 

Silvia Savarese
10/15/2010
 

 

EMAIL

Secondo uno studio condotto dall’Environmental Working Group, la nostra esposizione ai pesticidi, additivi ed ormoni si potrebbe ridurre fino all’80%, evitando di consumare frutta e verdura contaminata.

In base a questo studio, chi decide di seguire una dieta salutista consumando quotidianamente le cinque porzioni di frutta e verdura raccomandate, scegliendole però tra i quindici tipi di vegetali maggiormente contaminati, può ingerire fino a 10 tipi di pesticidi al giorno, chi invece sceglie tra i quindici tipi di vegetali meno contaminati ne assume meno di due.

Environmental Working GroupLa EWG a tal proposito ha pubblicato la guida “dirty dozen”, ovvero un elenco dei dodici cibi i più contaminati, questo lavoro si è basato sulle analisi statistiche di test condotti dalla USDA (United States Departement of Agriculture) e dalla FDA (US Food and Drug Administration). Proprio per l’alta contaminazione di pesticidi in questi cibi sarebbe quindi opportuno acquistarli biologici. Ed ecco l’elenco degli “alimenti sporchi” proposto dalla EWG. Tanto per cominciare troviamo sedano, spinaci, vari tipi di verdura a foglia, quindi ortaggi che non essendo protetti da buccia hanno residui tossici difficili  da eliminare; a seguire troviamo pesche, patate, peperoni, carote, che hanno una buccia molto delicata e sottile facilmente penetrabile dalle sostanzedirty dozen list tossiche; continuando compaiono fragole, mele, mirtilli, uva, pere, frutti senza buccia o che si mangiano solitamente con la buccia, quindi contaminata da pesticidi;  infine troviamo la carne e il latte. Infatti per accelerare la crescita degli animali vengono spesso utilizzati ormoni e antibiotici, sostanze altamente tossiche che ingeriamo con il consumo, per non parlare poi dei pesticidi e dei fertilizzanti chimici presenti nei foraggi.

I cibi biologici, coltivati senza pesticidi e fertilizzanti chimici, sono ritenuti più salutari di quelli “normali” sia perché  il suolo in cui vengono coltivati viene “curato”  maggiormente, sia perchè consumandoli non si ingeriscono residui di pesticidi normalmente presenti nei prodotti “tradizionali”.
Purtroppo però non tutti possono permettersi di acquistare quotidianamente cibi biologici, oppure spesso questi alimenti non sono facilmente reperibili. A tal proposito la EWG indica un ulteriore elenco di cibi, comunque ricchi di vitamine e minerali importanti che, essendo meno contaminati da pesticidi, si possono consumare tranquillamente pur non essendo biologici. mele bioTra questi alimenti troviamo: cipolla, avocado, mais, ananas, mango, piselli, kiwi, papaya, cocomero, quindi alimenti protetti da una buccia in certi casi anche molto spessa; e ancora broccoli, infatti la loro coltivazione essendo poco minacciata da parassiti utilizza meno pesticidi, ed è così anche per cavoli, melanzane e patate dolci. Per quanto riguarda i pomodori ci sono pareri discordanti, nel 2008 infatti si trovavano nella lista “dirty dozen” mentre di recente sono risultati meno contaminati, comunque secondo la EWG è preferibile scegliere quelli freschi di stagione acquistati presso i mercatini locali.

È infine importante ricordare che oltre al problema dei pesticidi, per gli alimenti appartenenti alla “dirty dozen”, c’è poi anche un discorso legato all’impatto sull’ambiente circostante che ha la coltivazione e la produzione di questi alimenti. Per tutti questi validi motivi diventa dunque preferibile scegliere il biologico.

 

commenta...

 Facebook            
 
 
 
MY-GREEN: Etico, Eco, Bio, Sostenibile
Crowdfunding e CrowdFuture
L'alternativa possibile


Di crowdfunding, ovvero il processo di finanziamento collaborativo a favore di progetti, iniziative e startup, si parla da tempo in tutto il mondo, ed iniziano ad esserci casi di successo grandi e piccoli.

[leggi tutto]

 
 
AMBIENTE
Imagine All the Water
La seconda puntata di Generation Awake


“Imagine All the Water” è la seconda parte della campagna di informazione lanciata in primavera dalla Direzione Ambiente dell’Unione Europea “Generation Awake” ?

[leggi tutto]

 
 
Meat Free Monday
GreenWashing o impegno reale?


"Meat Free Monday" letteralmente "niente carne il lunedì" è un sito che aiuta gli utenti ad avere un giorno della settimana in cui non si mangia carne (non necessariamente il lunedì),

[leggi tutto]

 
 
La CO2 nel mondo
Il nuovo atlante interattivo di The Guardian


The Guardian ha recentemente pubblicato un atlante delle emissioni di CO2 dovute al consumo di energia nel mondo. Dall’atlante interattivo è possibile analizzare i dati singoli o per aree, sia in valori assoluti in termini di tonnellate per paese, sia di tonnellate per abitante e per anno, ed anche in rapporto al PIL (tonnellate per milione di dollari di PIL).

[leggi tutto]

 
 
Rio +20 Messages from the World
Eco dal Mondo


Dal 20 al 22 giugno a distanza di venti anni dalla prima conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile si terrà a Rio de Janeiro "Rio 20+". Durante la conferenza persone da ogni parte del globo si riuniranno per discutere sulle azioni da intraprendereper gestire in modo sostenibile e duraturo il nostro futuro comune.

[leggi tutto]

 
 
8 Giugno Giornata Mondiale degli Oceani 2012
Il futuro è nelle giovani generazioni


Oggi si celebra la Giornata Mondiale degli Oceani, organizzata a partire dal 2002 dal The Ocean Project e The World Ocean Network



[leggi tutto]

 
 
 
 
 
 
2018
 
2008  2009  2010  2011  2012  2013  2014  2015  2016  2017  2018