GREENTERNET: Etico, Eco, Bio, Sostenibile
   
 
     
 
 
     
     
 

AZIENDA ETICA

 Facebook            
Brunello Cucinelli
Lavoro, Etica e Bellezza
 

Sandro Zinani
12/4/2009
 

 

EMAIL

Io volevo rendere il lavoro dell’uomo più umano. 
Io volevo rendere dignità economica e morale al lavoro
.
[1]

Eccolo qui: Brunello Cucinelli, perugino, classe 1956, leader incontrastato del cachemire nel mondo, in parte filosofo e mecenate prestato all’industria ed in parte imprenditore di successo votato al profitto dell’etica più che all’etica del profitto.

I dati registrati dal gruppo Cucinelli parlano da soli: nel giro di due anni il fatturato dell’azienda passa dai 120,76 milioni di euro del 2007 ai 143,86 milioni del 2008 (pari ad un incremento del 19,21%), le previsioni per il 2009 sono di un ulteriore crescita dei ricavi (le stime si aggirano sui 154 milioni di euro) e nel frattempo, mentre la crisi svuota i capannoni delle imprese italiane, l’azienda assume manodopera passando da 414 a 465 dipendenti. Intanto il marchio del gruppo umbro si rafforza e arriva sui principali mercati internazionali grazie ai punti vendita presenti presso i principali Paesi europei ed extra-europei: Francia, Stati Uniti, Russia, Giappone, Svizzera, Spagna.

Un  successo internazionale che nasce e cresce in Italia, in un piccolo paese in provincia di Perugia: Solomeo. L’azienda ha sede infatti in questo affascinante borgo medievale dell'Umbria che lo stesso Cucinelli ha contribuito a restaurare, una sede che non ha nulla in comune con gli headquarters delle odierne realtà industriali: uffici ed officine trovano rifugio all’interno della Rocca medievale attorno a cui si dispiega il Foro della Arti in cui trovano posto un teatro, un accademia ed una biblioteca.

Tutto questo ha a che fare con una sensibilità particolare, in cui predomina un senso di profonda responsabilità morale verso l’esistente e quindi, anche e soprattutto, verso il lavoro. Suggestioni di Marco Aurelio e Seneca, Francesco D’Assisi e Lorenzo il Magnifico sono riscontrabili nell’operato di quest’uomo per cui la parola “lavoro” significa opportunità di miglioramento della vita umana e creazione di bellezza: eticità e mecenatismo.

Risulta interessante a questo punto cercare di capire quelli che sono gli elementi concreti su cui poggia l’”impresa umanistica” Cucinelli: l’asse portante sembra essere il tipo di rapporto con i dipendenti, un rapporto orientato su fiducia e senso di responsabilità reciproca. All’interno dell’azienda viene chiesto ai dipendenti di assolvere ai propri compiti con rigore ed autodisciplina ma nello stesso tempo ciascun lavoratore percepisce un salario che è maggiore del 20% rispetto alla media nazionale. Gli stessi dipendenti partecipano attivamente alle scelte strategiche aziendali, discutendo di volta in volta insieme alla proprietà dove destinare gli investimenti e che tipo di opere finanziarie.

La spiritualità dei grandi pensatori del passato, dei santi e dei poeti, al di là dei dogmi e delle discipline, ha indicato senza ombre e senza eccezione un valore davvero grande: quello dell'uomo. Nella mia vita ho sempre coltivato un sogno: quello di poter lavorare in uno splendido luogo, con lo spirito di rendere il lavoro dell'uomo più "umano", di elevare la sua dignità e nel contempo custodire i beni di proprietà del mondo[2].
 



Più che una strategia manageriale vincente, il percorso intrapreso dall’imprenditore umbro assomiglia ad un itinerario di vita che presenta molti punti di contatto con l’etica spirituale del lavoro così come veniva intesa in epoca rinascimentale. Un itinerario che sembra ottenere riscontri non solo sotto il profilo dei risultati finanziari: a giugno di quest’anno Brunello Cucinelli riceve infatti il premio “Imprenditore Olivettiano 2009” istituito dall’Associazione Archivio Storico Olivetti di Ivrea. Il prestigioso riconoscimento viene conferito a quegli imprenditori che hanno saputo ispirare la propria attività a qui valori di responsabilità sociale e di sensibilità per bellezza e cultura che in passato erano stati i cardini su cui si sviluppò l’esperienza imprenditoriale di Adriano Olivetti.

Ecco le ragioni che hanno portato a questo riconoscimento:
“per avere creato e sviluppato un gruppo industriale italiano di grande successo sui mercati internazionali, basandosi su valori fondamentali, quali il rispetto delle persone, la ricerca costante della bellezza dei prodotti, l’amore per l’ambiente e per il territorio umbro, la promozione dell’arte e l’impegno per la rinascita del borgo di Solomeo, non lontano da Perugia”.

Un riconoscimento a cui si deve aggiungere quello tributato questo novembre da parte della Ernst & Young come Imprenditore dell’Anno: anche in questo caso a Cucinelli si riconosce “la continua ricerca del benessere psicofisico e della qualità della vita negli ambienti di lavoro e l’importante azione svolta per il recupero e il restauro di costruzioni storiche e la continua attenzione in favore dell’educazione e della cultura.”

In conclusione c’è una cosa che colpisce nell’avventura di Cucinelli, ovvero la profonda convinzione, espressa a più riprese da parte del protagonista di questa storia, che il modello di “impresa umanistica” non solo è replicabile a tutte le latitudini ma è anche necessario per rispondere agli inquietanti interrogativi che puntualmente bussano alla porta delle società sviluppate. Secondo  l’industriale perugino infatti il mondo imprenditoriale deve impegnarsi attivamente per un rinascimento economico che si sviluppi innanzitutto a partire da premesse morali, un auspicio questo che difficilmente risulta non condivisibile .

 

 

commenta...

 Facebook            
 
 
 
MY-GREEN: Etico, Eco, Bio, Sostenibile
Crowdfunding e CrowdFuture
L'alternativa possibile


Di crowdfunding, ovvero il processo di finanziamento collaborativo a favore di progetti, iniziative e startup, si parla da tempo in tutto il mondo, ed iniziano ad esserci casi di successo grandi e piccoli.

[leggi tutto]

 
 
AMBIENTE
Imagine All the Water
La seconda puntata di Generation Awake


“Imagine All the Water” è la seconda parte della campagna di informazione lanciata in primavera dalla Direzione Ambiente dell’Unione Europea “Generation Awake” ?

[leggi tutto]

 
 
Meat Free Monday
GreenWashing o impegno reale?


"Meat Free Monday" letteralmente "niente carne il lunedì" è un sito che aiuta gli utenti ad avere un giorno della settimana in cui non si mangia carne (non necessariamente il lunedì),

[leggi tutto]

 
 
La CO2 nel mondo
Il nuovo atlante interattivo di The Guardian


The Guardian ha recentemente pubblicato un atlante delle emissioni di CO2 dovute al consumo di energia nel mondo. Dall’atlante interattivo è possibile analizzare i dati singoli o per aree, sia in valori assoluti in termini di tonnellate per paese, sia di tonnellate per abitante e per anno, ed anche in rapporto al PIL (tonnellate per milione di dollari di PIL).

[leggi tutto]

 
 
Rio +20 Messages from the World
Eco dal Mondo


Dal 20 al 22 giugno a distanza di venti anni dalla prima conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile si terrà a Rio de Janeiro "Rio 20+". Durante la conferenza persone da ogni parte del globo si riuniranno per discutere sulle azioni da intraprendereper gestire in modo sostenibile e duraturo il nostro futuro comune.

[leggi tutto]

 
 
8 Giugno Giornata Mondiale degli Oceani 2012
Il futuro è nelle giovani generazioni


Oggi si celebra la Giornata Mondiale degli Oceani, organizzata a partire dal 2002 dal The Ocean Project e The World Ocean Network



[leggi tutto]

 
 
 
 
 
 
2018
 
2008  2009  2010  2011  2012  2013  2014  2015  2016  2017  2018